albo registro-online Pon 2014-20

IIS Cariati | Sito web ufficiale

POTENZIAMENTO CITTADINANZA EUROPEA

NELLA SEZIONE PROGETTI, NELLA APPOSITA CARTELLA , SI PUO' PRENDERE VISIONE DEI BANDI PER ESPERTO, TUTOR, FIGURE AGGIOUNTIVE E PERSONALE ATA RELATIVI AL PON "TELL ME IT IN ENGLISH", CODICE: 10.2.3B-FSEPON-CL 2018-55..

 

Convocazione Giunta Esecutiva

La Giunta Esecutiva è convocata per Martedi 19 novembre 2019, alle ore 16:30

 

IPSEOA: CONSIGLI DI CLASSE

I consigli di classe, previsti per lunedì 11 e martedì 12 c.m., sono stati rinviati a mercoledì 13 e giovedì 14 novembre,secondo gli orari previsti nella circolare prot. N. 5733 del 7/11/2019 in allegato. 

 

 

L'IIS CARIATI PARTECIPA ALLE CEBRAZIONI DEL 4 NOVEMBRE

Anche l'IIS di Cariati ha voluto celebrare la giornata del IV Novembre. Una giornata significativa, infatti, per le classi quinte dell'Istituto cariatese, guidato dalla DS Sara Giulia Aiello, 20191111 221939la quale ha fortemente promosso la partecipazione degli alunni alla commemorazione dei Caduti di tutte le guerre e alla celebrazione della giornata delle Forze Armate. Accompagnati dai loro docenti (Antonio Caruso, Isabella Cosentino, Emanuela  Ientile e Marialaura Cianciaruso, Gemma Mastroianni, Pina Carvelli, Antonio Mignanelli  ) i giovani hanno assistito alla Santa Messa celebrata nella Cattedrale di San Michele Arcangelo, nel Centro Storico di Cariati, officiata da Don Gino, coadiuvato da Don Rocco e Don George. Una ricorrenza che è diventata anche l'occasione per ribadire il valore della pace che si costruisce attraverso il rispetto delle regole democratiche e l'affermazione dei

Leggi tutto...

 

LE QUINTE CLASSI DELL'IPSSEOA INCONTRANO IL DOTTOR LEONARDO ALOSA DELLA FONDAZIONE GRANDI INVALIDI DI GUERRA

IMG 20191030 095339 resized 20191106 072105180L'insegnante viene investito del grande ruolo di accompagnare i giovani per mano verso percorsi opposti a quelli dell'indifferenza, della mancanza di un pensiero civico e IMG 20191030 095116 resized 20191106 072336906di una personalità forte che pensa, dell'edificazione di uno Stato che può arrivare a programmi politici di isolamento, espulsione e sterminio. Ma come si fa a scegliere il bene e ad agire con responsabilità, a non essere indifferenti di fronte al male, a maturare la capacità di indignarsi? E tutto questo, che significato ha per noi oggi che viviamo in una società in cui i valori di democrazia, diritti umani e libertà vengono spesso e ancora violati e ignorati? In questo, la scuola ha la responsabilità di educare le nuove generazioni a costruire una società che poggia sui cardini della pace, della tolleranza e dell'accettazione dell'altro. Il 30 Ottobre, in vista della festa della commemorazione dei caduti in guerra che ricorre il 4 Novembre, la professoressa  Daniela Mancini è stata promotrice all'interno dell'IPSSEOA,  sollecitata dalla  Nostra Dirigente Scolastica fautrice sempre convinta della validità di tale agire educativo, di un breve percorso di Educazione alla Memoria in collaborazione con l'insegnante di Italiano e Storia, la prof.ssa Carmela Sinopoli e che ha visto coinvolte le classi quinte di Enogastronomia e Sala. Tale percorso è stato arricchito dal prezioso intervento del rappresentante della Fondazione Grandi Invalidi di Guerra in quanto figlio di prigioniero di guerra, il dott. Leonardo Alosa. Quest'ultimo, dopo aver descritto a grandi linee le tappe salienti del secondo conflitto mondiale, ha voluto sensibilizzare i ragazzi verso tematiche che a volte sembrano tanto distanti da loro, partendo dalla propria esperienza personale, aprendo il cuore ai ragazzi, parlando dell'esperienza che ha visto coinvolto suo padre nei campi di concentramento. Il dott. Alosa ha posto alla vista dei ragazzi fonti fotografiche che ritraevano il padre insieme ad altri, ha fatto notare i loro abiti, i loro volti segnati dalla sofferenza; ha altresì mostrato una rubrica dove il padre segnava di tutto, anche recapiti degli altri prigionieri, una sorta di diario di viaggio. I ragazzi sono stati coinvolti e hanno mostrato sensibilità e spirito critico ponendo spesso quesiti al dott. Alosa. Viviamo in un'epoca in cui la maggior parte dei giovani sta crescendo in una sorta di presente permanente, nel quale manca ogni rapporto organico con il passato storico del tempo in cui essi vivono. Si corre il rischio di una frattura insanabile, tra passato e presente, tra adulti e giovani, perché questi ultimi vivono troppo immersi nel presente e ignorano quasi del tutto il passato storico. Interventi come questo fatto dal dottore Alosa sono importanti nella scuola, in questo tempo che vede inabissare le memorie personali di milioni di persone che parteciparono e patirono quei tragici eventi, dove il costo umano e morale è stato molto alto. Ci deve essere sempre e costantemente la volontà di mantenere vive in ambito didattico la conoscenza, l'educazione e l'assimilazione delle tematiche sulla Memoria affinché le giovani generazioni possano farne tesoro per la propria crescita e per la propria formazione. 
Prof.ssa Carmela Sinopoli
 

Racconto mio padre" di L. Alosa

Penso non sia stato  facile per mio padre, dopo tanti anni di silenzio, elaborare ricordi indelebili nella sua memoria, di quello che era stato il suo vissuto di militare di marina del Regio Esercito, con funzioni di telegrafista, affondato a Corfù, vivo per miracolo, fatto prigioniero dai tedeschi, deportato con dei vagoni bestiame (22/07/1944) nel lager tedesco in Germania e collocato nel campo 1B di Alisten.
In quel campo di concentramento, costituito da grandi baracche dove dormivano, dove facevano i loro bisogni in un vano centrale, fu  sottoposto a lavori forzati. Scarsi gli indumenti, come cibo bucce di banane, vita rischiata per un pezzo di pane oltre il filo spinato di delimitazione del campo e nascosto sotto la neve da un vicino, mosso da pietà.
Ammalatosi di broncopolmonite, avvolto in un lenzuolo, fu abbandonato per una notte all'addiaccio con un altro italiano, che perì, mentre lui riuscì a sopravvivere avendo durante la notte delle visioni angeliche che lo sostennero, cosicché la mattina dopo, di fronte all'evidenza, fu curato come dovuto.
Nel periodo di prigionia rinunciò alla libertà offertagli in cambio dell'adesione alla repubblica di Salò: egli non volle aderire!
Durante l'avanzata e l'occupazione della Germania da parte dei Russi fu fatto prigioniero da questi e portato nei campi di prigionia in Russia. Qui ebbe un trattamento più umano anche perché fu addetto alla cucina degli ufficiali russi con cui aveva stretto buoni rapporti, facendosi apprezzare per l'onesta, l'intraprendenza nella cucina e inventandosi anche degli utensìli per fare gli spaghetti.
Alla fine del conflitto, nel settembre del 1945, liberato dai Russi, fece rientro con altri Italiani impiegando alcuni mesi per raggiungere Cariati, ridotto pelle e ossa e con addosso vestiti sgualciti oltre a ospiti indesiderati.
Non saprò mai tutto il vissuto di mio padre nei lunghi anni di guerra e prigionia, considerando che ciò che volle rivelare fu solo una piccolissima parte e, nonostante le diverse sollecitazioni di trascriverle a futura memoria di quello che era stato, sempre rifiutò, lasciandomi nell'animo un sottile filo di unione dei ricordi che mi ha spinto a recarmi a conoscere da vicino i campi di sterminio nazista di Auschwitz e per ripercorrere nella mente e nel cuore mio, ciò che aveva vissuto.
A Cariati fu tra i fondatori della sezione Grandi Invalidi di Guerra, un manipolo di persone che nella mente, nello spirito e nel fisico avevano riportato le indimenticabili ferite di guerra, e ogni 4 Novembre, con la loro Bandiera, partecipavano a questa ricorrenza onorando i caduti e testimoniando la loro presenza, rispondevano "presente" a ogni nome dei caduti, facendoli vivere ancora nella storia del Nostro paese.
Oggi, che i nostri padri non ci sono più, a noi figli è rimasta quella forte eredità della memoria da portare avanti attraverso la Fondazione Grandi Invalidi di Guerra.
Sono grato a voi Ragazzi che in questa giornata speciale avete reso vitale e non vano il sacrificio di mio padre e di tanti vostri nonni che hanno combattuto e vissuto nel nostro paese per renderlo migliore, lasciandoci il testimone morale per proseguire nel loro mandato e per farli vivere, ancora, nella nostra VITA.
 

DIRITTO ALLO STUDIO 2019-20

PERMESSI DI DIRITTO ALLO STUDIO 2019-20: IN ALLEGATO LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO  E IL RELATIVO MODELLO. E' POSSIBILE PRODURRE DOMANDA ENTRO IL 15 NOVEMBRE

 

ALLERTA METEO : ORDINANZE COMUNALI

ALLERTA METEO: SCUOLE CHIUSE DALLE 13.30 DELL' 11/11/2019

AL 12/11/2019.

IN ALLEGATO LE ORDINANZE DEL COMUNE DI CARIATI E  DI MIRTO CROSIA

 

Ordinanza Comune di Crosia - Allerta Meteo

Con ordinanza  n. 26793 il Sindaco del comune di Mirto Crosia. Ordina la chiusura  delle scuole di ogni ordine e grado per allerta meteo su tutto il territorio di Mirto Crosia nella giornata del 12.11.2019.

 

Nomina coordinatori di classe 2019_2020

Nomina coordinatori di classe 2019_2020

 

Graduatoria provvisoria assistenti fisici a.s. 2019/2020

Graduatoria provvisoria assistenti fisici a.s. 2019/2020

Allegati:
Scarica questo file (ASS. FISICI 2019 2020.PDF)ASS. FISICI 2019 2020.PDF[ ]60 Kb
 

Pagina 1 di 84

amministrazione trasparente

iscrizioni 18-19

ciak

press-room

Osservatorio astronomico Galileo Galilei

osservatorio-astronomico

Laboratorio per lo studio dei Raggi Cosmici EEE Cariati

Cari-EEE

Il Liceo Scientifico di Cariati
partecipa ai seguenti progetti
nazionali e internazionali

eee

 ada

Calendario eventi

Novembre 2019
L M M G V S D
28 29 30 31 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 1

Ultimi eventi

Nessun evento

Portali scolastici

ministero istruzione

ufficio-scol-cal

scuola-chiaro

sidi

Pon 2014-20

pon in chiaro

indire

Questo sito utilizza cookie di tipo tecnico, per cui le informazioni raccolte non saranno utilizzate per finalità commerciali nè comunicate a terze parti. Per approfondimenti visualizza la nostra cookie policy

Nascondi questo messaggio
Cookie Policy